Diario del 1962 | Subito dopo la funzione della Candelora, ho preso la bicicletta…

Venerdì 2 febbraio

Subito dopo la funzione della Candelora, ho preso la bicicletta e, nonostante il nevischio, sono sceso all’Oratorio per chiamare Uccio col quale sono subito partito a Lecce. Ho sbrigato parecchie cosette: ho comprato il regalo per Don Tito, giochi per i ragazzi, libri vari di scuola, sono stato all’Einaudi per definire la questione di Scarascia. Alle tre pomeridiane ero di ritorno. Don Leopoldo sta ancora febbricitante: stasera tardi, alle 9 e 30, ho dovuto chiamare il farmacista da casa perché mi fornisse le medicine prescritte dal medico. L’Avv. Piccinni stasera è stato in Seminario per la segreteria degli Uomini di Az. Cattolica. È giunto il libretto della Commedia: mi piace poco.

Antologia degli Scritti, Parte 0 – La terra dei miei sogni, pg. 81
* Diario del 1962


Trascrizione online | A cura della  Redazione dontoninobello.info

Don Tonino Bello | dontoninobello.info

Sistema Informativo & Antologia degli Scritti