La tua croce pettorale… Manca un braccio… (Edvige Di Venezia)

La tua croce pettorale… Manca un braccio… Lo cercasti invano tra le lamiere accartocciate della tua auto distrutta in un incidente da cui uscisti miracolosamente illeso. Te ne feci realizzare un’altra simile e ti chiesi di poter tenere questa per me. Pendeva sul tuo cuore cadenzato sul cuore di Dio… La stringevi tra le mani quando parlavi di Lui con stupore da innamorato… La baciavi la sera quando la riponevi sul comodino…

La sfioro anch’io e mi sembra di sentire la tua rassicurante presenza: “Il Signore ci è veramente amico, ci chiama per nome, ci conosce… È il primo che al mattino ci dice: – Buongiorno! Apri le finestre, s’é fatto tardi! Hai preso il caffè? – È bellissima questa freschezza di Dio che ci dà la pace interiore, che non ci fa essere persone turbinose che girano, che corrono…”

Edvige Di Venezia, diario..


Trascrizione online | A cura della  Redazione dontoninobello.info


DTB Channel | Related | AUDIO VIDEO


«E’ bellissima questa leggerezza di Dio, che si adagia sulle nostre anime, come un’ala, e si adagia col fremito di una palpebra, leggerissimo… Il Signore non ci schiaccia col peso della sua santità, non ci annulla, non ci sgretola, non ci distrugge con il peso della sua onnipotenza, ma ci passa accanto e ci sfiora l’anima, come il fremito di un’ala, come il petalo di un fiore…» (don Tonino Bello)

Sistema Informativo & Antologia degli Scritti