Non contristatevi * L’ultimo «Ti voglio bene»

«Ho desiderato ardentemente di celebrare questa Pasqua con voi, di mangiare questa Pasqua con voi». Sono le parole che Gesù disse prima dell’Ultima Cena, proprio nel Giovedì Santo. E anch’io ho desiderato ardentemente di mangiare questa Pasqua con voi. E Gesù dice: «prima che io me ne vada», ma io non so se me ne andrò….

Maria, donna del Sabato Santo

Nelle feste c’è Lui. Nelle vigilie, al centro, c’è Lei. Discreta come brezza d’aprile che ti porta sul limitare di casa profumi di verbene, fiorite al di là delle siepi. Ci sono, a volte, degli attimi così densi di mistero, che si ha l’ impressione di averli già sperimentati in altre stagioni della vita. E…

I piedi di Bartolomeo

Carissimi, l’altro giorno ho ricevuto questa lettera. «Caro Vescovo, io non sono né marocchino, né tossicodipendente, né sfrattato. Temo, perciò, di non aver udienza presso di te. Perché ho l’impressione che oggi, se non si appartiene a quel campionario di umanità che ha a che fare con la violenza, con la prostituzione, con la miseria…

I piedi di Giovanni

Carissimi, è proprio un arrampicarsi sugli specchi voler trovare nei singoli beneficiari della lavanda dei piedi operata da Gesù, la sera del giovedì santo, altrettanti simboli delle diverse condizioni umane sulle quali egli, per impegnarci in un servizio preferenziale di amore, ha inteso richiamare la nostra attenzione? Ed è proprio fuori posto vedere in Giovanni l’emblema…

I piedi di Giuda

Carissimi, è più facile parlare delle labbra di Giuda che dei suoi piedi. Tutto a causa di quel bacio, naturalmente. Dagli affreschi di Giotto alle tele di Salvatore Fiume, infatti, gli artisti, allungandole come due ventose, hanno adoperato quelle labbra come simbolo del tradimento. Un tradimento che suscita reazioni emotive. Che allude. Una vigliaccata, insomma,…

I piedi di Pietro

Carissimi, tra le cose forti che oggi stanno emergendo nella coscienza cristiana, c’è il convincimento che i piedi dei poveri sono il traguardo di ogni serio cammino spirituale. Abbiamo capito un po’ tutti, cioè, che quando Gesù si curvò sulle prosaiche estremità dei suoi discepoli, più che offrirci il buon esempio dell’umiltà, volle soprattutto farci…

Diario del 1960 | Levata alle 4. Ho condotto la processione penitenziale della Confratermita dell’Assunta.

Venerdì 15 aprile Levata alle 4. Ho condotto la processione penitenziale della Confraternita dell’Assunta. Alle 8 ho partecipato alla processione del clero. Ho compiuto poi, con tanta commozione, l’azione liturgica verso le 17. Come era bello immedesimarsi col Maestro nella sua passione. Già prima avevo partecipato, alle 15, alla cerimonia in Cattedrale: ho commentato ai…